L'Agenzia alla 1a Conferenza italiana sulla ricerca di Servizio sociale

Tre esperienze presentate a Torino all’evento del 25 e 26 maggio sulla ricerca in ambito sociale
L'Agenzia alla 1a Conferenza italiana sulla ricerca di Servizio sociale

Logo dell'evento

L'Agenzia sanitaria e sociale, in collaborazione con il Servizio Politiche sociali e socio-educative della Regione Emilia-Romagna, ha partecipato alla 1a Conferenza italiana sulla ricerca di Servizio sociale, organizzata a Torino il 25 e 26 maggio scorsi dalla Società italiana di Servizio sociale (SocISS). La Conferenza - rivolta ad assistenti sociali, docenti, ricercatori, studiosi ed esperti di servizio sociale – ha fatto il punto sullo stato della ricerca di servizio sociale in Italia e ha messo in luce il contributo che la ricerca stessa può offrire.  

In particolare, i professionisti dell’Agenzia hanno presentato le esperienze di maggiore successo sviluppate in questi anni:

  • "Il Community Lab: metodologia per innovare i servizi sociali e sanitari e agire processi collettivi": Fabrizia Paltrinieri ha presentato il percorso di formazione e ricerca per produrre cambiamenti e implementare processi complessi, condotto dall’Agenzia a partire dal 2012 seguendo la metodologia del Community Lab.
  • "Il Welfare dell’Aggancio come 'organizzazione effimera': l’allargamento dei confini tradizionali dei servizi sociali e la creazione di uno spazio d’azione comune": Giulia Rodeschini ha descritto l’esperienza ideata a Cervia nel 2014 dall’Amministrazione comunale e dalla Casa della salute Isotta Gervasi su impulso del Community Lab. Obiettivo del percorso era rileggere il rapporto tra l’istituzione formale deputata alla gestione e alla produzione dei servizi sociali e l’azione/partecipazione degli attori sociali non professionali - la cittadinanza nel suo insieme e, in particolare, i protagonisti del Welfare dell’Aggancio.
  • "Valutare la fragilità e le autonomie sociali delle persone attraverso la Scheda S.V.A.S: storia di un’esperienza di ricerca": rappresentanti dell’Ordine degli Assistenti sociali dell’Emilia-Romagna e Luigi Palestini hanno descritto il processo di elaborazione e la sperimentazione in tre contesti regionali della scheda di valutazione sociale, strumento per la rilevazione delle autonomie sociali residue e delle fragilità e vulnerabilità psicosociali nell’area della non autosufficienza.

 

 

Per approfondire

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/05/2017 — ultima modifica 08/06/2017

Agenzia sanitaria e sociale regionale - Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 21, 40127 Bologna, Italia - tel. +39 051 5277450 - 7451 - fax +39 051 5277049

asrdirgen@regione.emilia-romagna.it, asrdirgen@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali