Buone pratiche sull'antibioticoresistenza

Il 4 luglio si è tenuto a Bologna il Convegno a conclusione del Progetto CCM
Buone pratiche sull'antibioticoresistenza

locandina

Alla presenza di circa 120 partecipanti da varie regioni italiane, il Convegno “Buone pratiche per la sorveglianza e il controllo dell’antibioticoresistenza” - a conclusione dell’omonimo progetto finanziato nel 2014 dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM) del Ministero per la salute – ha rappresentato l'occasione per illustrare i risultati raggiunti dalle dieci Unità operative coinvolte.

Obiettivo generale del progetto era condividere strategie e strumenti per il contrasto alla diffusione delle antibioticoresistenze, integrando – laddove necessario – l’ambito umano e quello veterinario, sulla linea tracciata a livello globale dalla One Health Initiative.

Dopo l’intervento del prof. Grundman dell’Università di Friburgo, che ha offerto una visione più ampia presentando sistemi basati sulla sorveglianza dei patogeni con accenni alle esperienze di Olanda, Germania e Inghilterra, sono stati illustrati i principali risultati del progetto:

  • ricognizione delle esperienze di successo di sorveglianza e controllo dell’antibioticoresistenza condotte negli ultimi anni a livello regionale e nazionale, da utilizzare come esempi per promuovere azioni future;
  • sistema di monitoraggio dell’antibioticoresistenza e del consumo di antibiotici attivo sia in ospedale sia sul territorio, tramite un set minimo di indicatori condivisi a livello nazionale e utilizzabili anche nei contesti dove non sono ancora attivi questi sistemi;
  • stato dell’arte sulla qualità e rappresentatività dei dati di sorveglianza microbiologica, presupposti necessari all’attivazione di una piattaforma per l’allerta rapida di eventi con caratteristiche di novità o di rilevanza clinico-epidemiologica;
  • strumento per individuare le priorità di intervento sui problemi contingenti basate su dati microbiologici e su quelli di consumo di antibiotici. L’attenzione non è solo sulla gravità del singolo problema ma anche sulla disponibilità di misure efficaci per ridurre la frequenza di resistenze antimicrobiche e l’uso di antibiotici.

Il convegno ha poi dedicato un focus particolare al contrasto all’antibioticoresistenza in due specifici ambiti: la pediatria e la veterinaria.

  • Sono state individuate alcune buone pratiche da mettere in atto per la prevenzione e il controllo della diffusione di germi MDR nella pediatria ospedaliera e sono stati proposti indicatori sull’uso di antibiotici in grado di fotografare in maniera attendibile questa realtà.
  • Dall’esperienza con la pediatria di comunità è emersa la necessità e l’importanza di coinvolgere contemporaneamente i professionisti – fornendo loro buone pratiche e strumenti per metterle in atto - e la popolazione – con attività di formazione e informazione - per garantire il raggiungimento degli obiettivi e il loro consolidamento nel tempo.
  • Per quanto riguarda l'ambito veterinario, è stato descritto il fenomeno dell’antibioticoresistenza dal punto di vista della sanità pubblica veterinaria, evidenziando in particolare le situazioni in cui l’utilizzo degli antibiotici, la sorveglianza e il controllo dei germi MDR hanno un impatto anche sulla salute umana. Per governare questo problema è necessario coinvolgere tutti i professionisti veterinari, fornendo strumenti e formazione specifica.

 

Le esperienze e gli strumenti presentati durante la giornata suggeriscono azioni concrete da implementare e integrare nelle attività correnti dei servizi sanitari.

 

  

Azioni sul documento
Pubblicato il 07/07/2017 — ultima modifica 07/07/2017

Agenzia sanitaria e sociale regionale - Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 21, 40127 Bologna, Italia - tel. +39 051 5277450 - 7451 - fax +39 051 5277049

asrdirgen@regione.emilia-romagna.it, asrdirgen@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali