Approccio equity oriented

Promozione di strumenti e metodologie che rendano coerenti indirizzi, programmazione e interventi

“Diversi si nasce, disuguali si diventa” è questo il filo rosso che guida gli interventi mirati all'applicazione pratica del principio di equità, attraverso l’implementazione di strategie e strumenti equity oriented (OMS, 2014). In questo senso, il Piano regionale della prevenzione 2015-2018 prevede diverse azioni per promuovere un approccio di equità in tutti i piani attuativi locali. Inoltre, il nuovo Piano sociale e sanitario regionale 2017-2019 prevede tre leve di intervento, mirate a:

  • garantire condizioni di accesso ai servizi e modi di fruizione equi e appropriati;
  • promuovere interventi precoci e diffusi volti a rendere più ampie, approfondite e “attive” le conoscenze delle persone sulle proprie potenzialità di vivere bene in un contesto in forte trasformazione;
  • potenziare gli interventi a sostegno dell’infanzia, degli adolescenti e della genitorialità.

A partire dalla premessa del progetto, l’approccio equity oriented prende forma dalle seguenti domande:

  • in che modo i processi dell’organizzare quotidiano dei servizi prendono in considerazione la pluralità delle differenze e come possono produrre una eguaglianza sostanziale nella realizzazione del diritto alla salute? 
  • in che modo possono invece riprodurre le disuguaglianze sociali pre-esistenti o produrne di nuove?

Per dare corpo alle strategie di equità come approccio strutturale è necessario quindi mettere in campo:

  • azioni di sistema indirizzate non solo su ambiti specifici di vulnerabilità ed iniquità
  • azioni che pongano lo sguardo sia all’interno delle organizzazioni/istituzioni (operatori), sia verso l’esterno (utenti, familiari)
  • nuovi impulsi ai coordinamenti aziendali sull’equità, per assicurare coerenza dell’applicazione pratica del principio di equità tra i diversi livelli organizzativi (programmazione, gestione ed erogazione dei servizi)
  • strumenti e metodologie equity oriented, sia per la lettura dello stato di salute e dell’accesso ai servizi socio-sanitari, sia per la predisposizione a livello locale dei Piani delle azioni sull’equità.

  

Obiettivi e prodotti

  • Percorsi di supporto alle aziende regionali per l’individuazione del referente aziendale dell’equità, l’attivazione del Board aziendale sull’equità, la stesura e l’adozione del piano delle azioni sull’equità nel rispetto delle differenze
  • Utilizzo di strumenti e metodologie equity oriented per valutare indirizzi, programmazione e interventi, nonché formazione dei professionisti e dei decisori all’utilizzo di tali strumenti
  • Implementazione degli strumenti di equity assessment nel programma del Piano regionale della prevenzione attraverso coordinamento delle attività aziendali, formazione, supporto tecnico/metodologico
  • Piattaforme formative in tema di garanzie di equità, rispetto delle differenze e contrasto alle disuguaglianze, nei confronti sia degli utenti che degli operatori

  

Pubblicazioni e documenti utili

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/08/2016 — ultima modifica 01/08/2018

Agenzia sanitaria e sociale regionale - Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 21, 40127 Bologna, Italia - tel. +39 051 5277450 - 7451 - fax +39 051 5277049

asrdirgen@regione.emilia-romagna.it, asrdirgen@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali