Dossier n. 172/2009 - La produzione di raccomandazioni cliniche con il metodo GRADE. L'esperienza sui farmaci oncologici

Dossier n. 172/2009 - La produzione di raccomandazioni cliniche con il metodo GRADE. L'esperienza sui farmaci oncologici

Questo Dossier è dedicato alla presentazione del background scientifico e dei risultati del Progetto AFO (Appropriatezza farmaci oncologici) sviluppato dall’Agenzia sanitaria e sociale della Regione Emilia-Romagna nell’ambito del Programma Ricerca e innovazione (PRI E-R).

Dal punto di vista del background scientifico l’elemento di originalità del progetto è stato la sperimentazione dell’uso del metodo GRADE (Grading of Recommendations Assessment, Development and Evaluation) per la produzione e graduazione di raccomandazioni cliniche relative all’effetto degli interventi sanitari. Il metodo GRADE è nato dall’attività avviata nel 2000 di un gruppo di lavoro internazionale che ha ritenuto necessario mettere a punto un approccio unificato alla produzione di raccomandazioni cliniche in presenza di una molteplicità di sistemi di grading tra loro non sempre coerenti e la cui variabilità mette in serio pericolo la fruibilità dello strumento linee guida/raccomandazioni.

Dal punto di vista dei contenuti e delle modalità operative, il Progetto AFO - che ha anche ottenuto un finanziamento da parte del Ministero del Lavoro, della salute e delle politiche sociali nell’ambito del Programma Ricerca finalizzata (Fondo ex art. 12 DLgs 502/1992) - è nato con l’obiettivo di sperimentare la possibilità di coinvolgere gruppi multidisciplinari di clinici nella produzione di raccomandazioni sull’uso appropriato di farmaci oncologici, sia nuovi sia già registrati ma in evoluzione per quanto riguarda le indicazioni cliniche.

Nella prima parte del Dossier, dopo una breve introduzione relativa alla filosofia del programma PRI E-R e agli scopi del progetto AFO, viene presentato il metodo GRADE, le sue assunzioni e le tappe operative di applicazione.

Nella seconda parte vengono presentati i risultati del lavoro dei tre panel multisciplinari che hanno prodotto complessivamente 32 raccomandazioni per la terapia adiuvante e la fase avanzata del trattamento dei tumori della mammella, del colon retto e del polmone. Conclude la seconda parte del Dossier una discussione circa le criticità di applicazione del metodo e le potenzialità e i limiti del suo utilizzo per la produzione di strumenti utili al miglioramento dell’appropriatezza d’uso dei farmaci.
Nell’Appendice viene infine riportato, a scopo esemplificativo, il testo di due raccomandazioni relative all’uso del trastuzumab nella terapia adiuvante del tumore della mammella e delle fluoropirimidine nella terapia adiuvante del tumore del colon.

Il testo completo delle 32 raccomandazioni è disponibile nelle pagine del programma PRI E-R.

 

Autore/Autori: De Palma R, Liberati A, Papini D.

Data: 1/1/2009

Tipologia: rapporti, linee guida, documenti tecnici

Scarica la pubblicazione (PDF, 3.10 MB)

Azioni sul documento
Pubblicato il 01/01/2009 — ultima modifica 11/12/2014
< archiviato sotto: >

Agenzia sanitaria e sociale regionale - Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 21, 40127 Bologna, Italia - tel. +39 051 5277450 - 7451 - fax +39 051 5277049

asrdirgen@regione.emilia-romagna.it, asrdirgen@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali