Seguici su

La multimorbidità in Emilia-Romagna nel 2018

Una fotografia dell’epidemiologia e dell’impatto della multimorbidità nel 2018, attraverso l’analisi di dati amministrativi sanitari correnti

E’ disponibile online il nuovo rapporto "Epidemiologia ed impatto della multimorbidità in Emilia-Romagna. Anno 2018", sul monitoraggio annuale della multimorbidità in Emilia-Romagna, basato su informazioni desumibili dalle banche dati sanitarie correnti.

L'obiettivo del monitoraggio è descrivere l'epidemiologia della multimorbidità, individuare gruppi di patologie croniche (pattern) significativamente associate tra di loro e valutarne l'impatto, in termini di utilizzo dell’assistenza sanitaria sia territoriale che ospedaliera, erogata dal Servizio sanitario regionale.

Dallo studio emerge che in Emilia-Romagna, nell’anno 2018, il 25,1% (986.956 casi) della popolazione adulta della regione Emilia-Romagna ed il 61% di quella con più di 65 anni (687.559 casi), è risultato affetto da due o più patologie croniche. Sebbene la prevalenza in termini percentuali non abbia subito variazioni di rilievo negli anni, il numero di residenti con multimorbidità è aumentato costantemente tra gli ultra 65enni, facendo registrare un incremento complessivo superiore a 11.000 casi tra il 2015 e il 2018; il trend dell’incidenza invece ha evidenziato un esiguo aumento tra gli ultra 65enni (1052 casi) ed un esiguo calo tra i più giovani (1030 casi).

L’impatto dell’utilizzo di assistenza sanitaria da parte dei pazienti con multimorbidità sul totale di prestazioni e servizi sanitari erogati dal Servizio Sanitario Regionale è rilevante: nel 2018 a pazienti con due o più condizioni croniche sono stati destinati il 64% dei ricoveri ospedalieri, il 71% delle prescrizioni farmaceutiche, l’88% dell’assistenza domiciliare, il 79% dell’assistenza residenziale e semi-residenziale, l’89% delle cure palliative in hospice, il 90% dell’assistenza negli ospedali di comunità, il 51% dell’assistenza specialistica ambulatoriale e il 43% degli accessi in Pronto soccorso, confermando le percentuali già rilevate nel 2017 e nel 2016 .

La fotografia della multimorbidità per l’anno 2018 che emerge da questo report, conferma i dati precedentemente pubblicati e li mette a confronto, fornendo informazioni utili per individuare strategie di politica sanitaria che possano massimamente intercettare i bisogni della popolazione con multicronicità e indirizzarne i percorsi di cura.

 

   

Vedi anche

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/23 18:05:00 GMT+2 ultima modifica 2020-01-27T14:20:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina