Seguici su

Ricerca in medicina non convenzionale

Estratto dal Piano programma 2019-2021 dell'Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale, delibera n. 968 del 18/06/2019


L’Osservatorio Regionale per le Medicine non Convenzionali (OMNCER) dal 31 gennaio 2018, data in cui era stata disposta la proroga delle attività con la deliberazione della Giunta Regionale n. 79/2017, non è stato ricostituito ma è stata data priorità alle attività di ricerca mirate a integrare le Medicine Non Convenzionali (MNC) nel Servizio Sanitario Regionale.

Nell'autunno del 2018 sono stati avviati due nuovi progetti sull'efficacia della digitopressione nel
contenimento del dolore da parto e dei trattamenti di agopuntura, come “supportive care” per le donne
operate di tumore al seno.
Tra le attività relative alle MNC rientra, inoltre, dal 2016 un percorso di accreditamento per le scuole
pubbliche (universitarie) e private di medicine non convenzionali per la formazione in agopuntura,
fitoterapia, omeopatia, omotossicologia e antroposofia di cui alla D.G.R. n. 2143/2015, così come previsto dall’Accordo Stato Regioni del 7 febbraio 2013; tale percorso è stato definito dalla Regione Emilia-Romagna con la delibera della Giunta Regionale n. 1955/2016.

L’attività è gestita dalla Direzione generale Cura della persona, salute e welfare, con la collaborazione
dell’ASSR.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/12/13 16:17:41 GMT+2 ultima modifica 2019-12-13T16:17:41+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina