Seguici su

Antibiotico resistenza: il rapporto regionale

Pubblicati i dati della sorveglianza 2019 sull’andamento delle resistenze e sull’uso degli antibiotici in Emilia-Romagna

È disponibile online il nuovo rapporto sulla sorveglianza dell'antibioticoresistenza e sull'utilizzo di antibiotici in Emilia-Romagna. Il rapporto presenta i risultati forniti dai laboratori (Sistema LAB) e dai flussi dell’assistenza farmaceutica (AFT; FED; AFO).

Come emerge dal rapporto, i dati microbiologici relativi agli ultimi anni confermano un trend in miglioramento delle resistenze agli antibiotici per la maggior parte dei microrganismi; questo è particolarmente evidente per la resistenza di Klebsiella pneumoniae ai carbapenemi che si è ridotta a 10,9% nel 2019 (era 24,4% nel 2015). Nell’ultimo anno si è osservata anche una riduzione delle batteriemie causate da questo microrganismo multiresistente.

L’utilizzo di antibiotici sistemici ha mostrato una stabilizzazione nel biennio 2018-2019, che si inserisce in una tendenza complessiva in riduzione osservata in ambito territoriale negli ultimi dieci anni. La riduzione ha riguardato in particolare macrolidi e fluorochinoloni. Questi ultimi hanno registrato un decremento dell’utilizzo anche in ambito ospedaliero, dove i consumi complessivi sono risultati tendenzialmente stabili nel periodo 2015-2019.

Nonostante i risultati forniti dai sistemi di sorveglianza siano in generale positivi, il carico di malattia associato alle infezioni batteriche e alle resistenze antibiotiche rimane ancora elevato. Ciò indica la necessità di proseguire con le attività di promozione dell’uso prudente degli antibiotici e di monitoraggio e controllo delle infezioni in tutti gli ambiti assistenziali.

Per questo, la Regione Emilia-Romagna ha attivato diversi strumenti tra cui il sistema LAB che già da molti anni offre una copertura completa dei laboratori pubblici e dei laboratori situati negli ospedali privati. Il collegamento con gli altri flussi informativi del Sistema informativo Politiche per la salute e politiche sociali (SISEPS) potenzia le possibilità di analisi e contribuisce ad aumentare la qualità e la completezza di altre sorveglianze (Es. SIChER) consentendo di identificare infezioni non riconosciute.

 

Vedi anche

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/15 13:15:00 GMT+2 ultima modifica 2020-09-16T08:34:08+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina