Seguici su

Open Space Technology per la ricerca

Strumenti innovativi per dar voce ai professionisti della Regione su priorità e bisogni di ricerca sanitaria. Bologna, 1 giugno

La Regione Emilia-Romagna riconosce nel Piano regionale triennale della ricerca sanitaria dell’Emilia-Romagna lo strumento di programmazione per il coordinamento e l’integrazione delle azioni e delle iniziative mirate a individuare gli ambiti di ricerca sanitaria regionale ritenuti prioritari rispetto ai bisogni di salute.

L’Agenzia sanitaria e sociale regionale dell’Emilia-Romagna (ASSR) organizza e conduce l’evento-incontro Open Space Technology. Priorità e bisogni di ricerca sanitaria sul territorio, mercoledì 1 giugno. L’iniziativa rientra tra gli strumenti innovativi di un percorso regionale partecipato più ampio, che indaga i temi di interesse per la ricerca attraverso l’ascolto dei partecipanti in gruppi di lavoro.

Perché un percorso partecipato

La scelta di un percorso dal basso per elaborare il Piano nasce dall’esigenza di rafforzare una cultura condivisa della ricerca sanitaria. Nello specifico, far emergere i bisogni di ricerca delle diverse categorie professionali e di pazienti e cittadini.

A tal fine, l’Agenzia ha individuato e selezionato metodologie innovative che favoriscano la partecipazione e il contributo dei singoli professionisti della sanità, del sociale e degli enti locali interessati e direttamente coinvolti, a diversi livelli, nella pianificazione o erogazione dell’assistenza.

Il percorso partecipato per elaborare il Piano della ricerca sanitaria è strutturato in più step. Tra gennaio e maggio 2022, attraverso gruppi di discussione tra professionisti e la tecnica dei focus group, sono stati raccolti i contributi dei componenti dei coordinamenti delle reti cliniche regionali, della commissione nascita regionale, dei medici di medicina generale e degli specialisti ambulatoriali convenzionati e dei pediatri.

L’Open Space Technology (OST) del primo giugno ha l'obiettivo di aprire la riflessione su contenuti e priorità della ricerca a una platea più ampia di partecipanti.

Il metodo OST

L’Open Space Technology è un metodo innovativo per tenere riunioni e gruppi di lavoro mettendo al centro la partecipazione collettiva in condizioni di parità.

L’approccio tradizionale relatore-pubblico viene sostituito da un approccio che invita tutti i partecipanti a diventare relatori. Non esiste un programma strutturato, un’agenda predefinita o una gerarchia nell’ordine degli interventi. Tutti i presenti hanno eguale diritto nel contribuire ad arricchire le proposte sul tema della ricerca e a formulare liberamente le loro argomentazioni.

1 giugno 2022

La giornata si inserisce nel percorso partecipato avviato da gennaio 2022, per la messa a punto del Piano regionale della ricerca sanitaria.

Partecipano i professionisti e gli operatori sanitari individuati che, a diversi livelli, sono coinvolti nella pianificazione o erogazione dell’assistenza.

La prima parte dell’incontro consiste in un’attività di brainstorming allargata a circa cento partecipanti per individuare temi di interesse per la ricerca sanitaria, soprattutto in ambito territoriale.

Nella seconda parte, i partecipanti riuniti in gruppi di lavoro dedicati approfondiranno le tematiche selezionate.
Si concluderà con la discussione dei temi emersi nei vari gruppi e la loro condivisione a tutti i partecipanti.

Sono previsti crediti ECM per tutte le figure del ruolo sanitario.

L'iscrizione è obbligatoria e aperta fino al raggiungimento del numero massimo di iscritti (circa 100).

Il programma

Contatti

vanessa.vivoli@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/05/19 20:29:00 GMT+1 ultima modifica 2022-05-23T11:24:44+01:00
Immagine (c) Agenzia sanitaria e sociale regionale dell'Emilia-Romagna

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina