Seguici su

Dossier n. 48/2001 - Infortuni e sicurezza sul lavoro. Rapporto tecnico per la definizione di obiettivi e strategie per la salute

Descrizione/Abstract:

La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro è un obiettivo prioritario per lo sviluppo della società. Questo obiettivo va perseguito in un ambito organizzato in cui siano fondamentali le politiche di prevenzione, che vanno rilanciate sia al livello istituzionale (la messa in atto delle politiche di Carta 2000* e del Piano sanitario), sia a quello concertativo, nel rapporto propositivo delle parti in causa. Sebbene questo convincimento sia ampiamente consolidato e condiviso, e gli sforzi intrapresi siano significativi, gli effetti negativi sulla salute del lavoro e del suo ambiente sono ancora elevati e sostanzialmente inaccettabili.

La Commissione europea, Direzione Generale V (Relazioni industriali e affari sociali), rilevando il numero straordinariamente elevato di infortuni sul lavoro in Europa (circa 5 milioni/anno di cui 6.500 mortali) ha presentato il Programma d’azione 1998-2000.

n questo programma viene ribadito l’impegno al controllo degli infortuni, visto che la prevenzione e la tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro costituisce uno degli aspetti essenziali del modello sociale europeo e contribuisce a migliorare la competitività e la produttività delle imprese (il costo annuale degli infortuni sul lavoro è valutabile tra il 1,5% e 4% del PIL).

Il Piano sanitario nazionale (PSN) 1998-2000 riprende la raccomandazione espressa dalla Commissione europea e pone l’obiettivo di ridurre, nel triennio, la frequenza degli infortuni del 10%, in particolare nei settori produttivi a maggiore rischio.

Il Piano sanitario regionale (PSR) 1999-2001, in ragione della rilevanza locale degli infortuni, coglie per intero le indicazioni europee e del PSN, ponendo come obiettivo prioritario la riduzione del 10% degli infortuni nei comparti individuati a maggiore rischio in regione: l’agricoltura, le costruzioni, il legno e la metalmeccanica. A questi viene aggiunto il comparto sanità.

Il PSR 1999-2001 sollecita anche azioni dirette al controllo degli infortuni nei comparti non indicati e alla riduzione delle malattie professionali e delle malattie correlate al lavoro.

È quindi prioritario l’impegno alla prevenzione a tutto campo, che deve essere supportato da un sistema capace di:

  • ricerca a scopo di trattamento dei dati (epidemiologia);
  • azioni di ricerca applicata sui determinanti socio-economici della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, per il miglioramento dei sistemi di prevenzione;
  • azioni che impegnano una pluralità di attori al fine di determinare il miglioramento della salute della popolazione lavorativa mediante la riduzione degli infortuni, delle malattie professionali e delle malattie correlate al lavoro.

_______________________________

* Carta 2000 è un documento programmatico presentato a Genova il 3-5 dicembre 1999. Il documento è basato sugli obiettivi, in tema di salute e sicurezza sul lavoro, che Governo, istituzioni, amministrazioni locali e parti sociali si danno per il 2000. “
Carta 2000 è il manifesto programmatico del Governo, istituzioni, amministrazioni locali e parti sociali, per vincere una battaglia difficilissima (quella della sicurezza sul lavoro). Nella Carta ci sono impegni concreti sul piano legislativo a cui adempiere in tempi rapidi e certi; c’è l’individuazione di parametri condivisi e trasversali che aiutano tutte le parti a seguire una strada comune; c’è il segno tangibile del salto di qualità che lavoratori e imprenditori, sindacati e istituzioni, devono compiere per voltare finalmente pagina.”

 

Data di pubblicazione:
22/02/2001
Tipo di pubblicazione:
rapporti, linee guida, documenti tecnici
Scarica la pubblicazione:
download (PDF, 1.84 MB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2001/02/22 01:00:00 GMT+2 ultima modifica 2013-02-15T17:39:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina