Seguici su

Dossier n. 87/2003 - I Distretti nella Regione Emilia-Romagna

Descrizione/Abstract:

Secondo quanto stabilito dal Piano sanitario nazionale 1998-2000 e dal Decreto legislativo 229/1999, il Distretto assicura i servizi di assistenza primaria, ivi compresi la continuità assistenziale, attraverso il necessario coordinamento e l’approccio multidisciplinare - in ambulatorio e a domicilio - tra medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, servizi di guardia e presidi specialistici ambulatoriali. Il Distretto garantisce inoltre il coordinamento delle proprie attività con quella dei dipartimenti e dei servizi aziendali ed eroga prestazioni sanitarie a rilevanza sociale.

La Delibera regionale 309/2000, in attuazione del Piano sanitario regionale 1999-2001, definisce come mission del Distretto quella di governare la domanda di salute di una popolazione di riferimento assicurando i servizi di assistenza primaria relativi alle suddette attività sanitarie e socio-sanitarie. Questo avviene sia attraverso la produzione propria dei servizi sia attraverso la funzione di committenza. Al Distretto, dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria, sono assegnate le risorse sulla base degli obiettivi di salute stabiliti e dei conseguenti piani delle azioni.

Il presente documento rappresenta una fotografia dei distretti, permettendone una lettura schematica e per quanto possibile uniforme delle principali caratteristiche socio-demografiche, territoriali e, in piccola misura, sanitarie, ed evidenziando eventuali differenze demografiche e territoriali. Al fine di garantire una conoscenza più approfondita delle diverse realtà distrettuali, si è proceduto inoltre ad analizzare i singoli comuni. In particolare, grazie all’ausilio di alcuni indici epidemiologici, sanitari e territoriali, sono stati eseguiti confronti sia fra i vari distretti sia al loro interno.

Il documento si articola in diverse sezioni. La prima è dedicata a una descrizione generale della regione Emilia-Romagna, completata da un confronto con la realtà nazionale e da una descrizione del trend regionale per il triennio 1999-2001. Nelle sezioni successive si analizzano le province e le Aziende USL della regione, focalizzando l’attenzione sui distretti. Per ogni distretto e per i comuni che lo compongono sono stati calcolati indicatori epidemiologici e demografici che vengono presentati, discussi e confrontati con quelli degli altri distretti della medesima Azienda USL (si veda Guida alla lettura per un approfondimento).

Per disporre e assemblare tutte le informazioni necessarie alla descrizione si è dovuto attingere a varie fonti: i dati relativi alla composizione della popolazione e del territorio sono stati prevalentemente ricavati dal sito regionale La Regione in cifre, riferito al 31/12/2001. Per gli indici sanitari si è attinto invece alla banca dati regionale della Schede di dimissione ospedaliera - anni 2001/2002. Oltre al sito del Ministero della salute, sono stati consultati anche quelli delle Province, delle Aziende USL e dei Comuni dell’Emilia-Romagna.

  

Autore/Autori:
Mall S
Cetani T
Data di pubblicazione:
28/09/2003
Tipo di pubblicazione:
rapporti, linee guida, documenti tecnici
Scarica la pubblicazione:
download (PDF, 3.36 MB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2003/09/28 00:00:00 GMT+2 ultima modifica 2019-01-11T13:05:24+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina