Seguici su

Dossier n. 184/2009 - Il Programma di ricerca Regione-Università. 2007-2009

Descrizione/Abstract:

Nel 2007 è stata avviata la prima edizione del Programma triennale di ricerca Regione-Università, previsto dall’articolo 12 del Protocollo di intesa Regione-Università del 2005 (Delibera di Giunta n. 297 del 14/2/2005). Il Programma rappresenta un importante momento di collaborazione tra la Regione e le quattro Università dell’Emilia-Romagna ed è stato operativamente avviato individuando nelle quattro Aziende ospedaliero-universitarie il luogo di principale realizzazione. Nel primo triennio (2007-2009) il Programma è stato organizzato per finanziare progetti in tre macro-aree di ricerca:

  • Ricerca innovativa (Area 1),
  • Ricerca per il governo clinico (Area 2),
  • Formazione alla ricerca e creazione dei research network (Area 3),

dedicate rispettivamente:

  • allo sviluppo di potenziali innovazioni che, avendo già superato la fase pre-clinica, necessitavano di una validazione in studi mirati a verificarne l’utilità e l’efficacia clinica in modo da renderne più rapida e appropriata l’applicazione ai pazienti;
  • alla valutazione dell’efficacia, costo-efficacia e appropriatezza di specifici interventi clinici o di nuove modalità organizzative e gestionali;
  • alla sperimentazione di interventi di formazione mirati ad aumentare le competenze di ricerca degli operatori del Servizio sanitario regionale e a facilitare la formazione di network di ricerca.

Il programma aveva a disposizione per il primo triennio un budget di 30 milioni di Euro, di cui il 70% destinati all’area Ricerca innovativa, 25% all’area Governo clinico, e 5% all’area Formazione.

Il protocollo del Programma (Delibera di Giunta n. 1870/2006) prevedeva un percorso bottom up secondo il quale le idee progettuali dovevano essere inizialmente discusse nei Dipartimenti e, successivamente, selezionate dai Collegi di Direzione delle Aziende ospedaliero-universitarie e dell’IRCCS Rizzoli e presentate alla Segreteria scientifico-organizzativa che era responsabile dell’organizzazione e del coordinamento del processo di valutazione e della successiva selezione.

La valutazione scientifica (peer review) dei progetti è stata organizzata in modo differenziato a seconda degli obiettivi e finalità e del grado di complessità delle proposte nelle tre macro-aree. Nelle Aree 1 e 2 la valutazione è stata condotta mediante peer review affidata a referee esterni italiani e stranieri, mentre la valutazione dei progetti dell’Area 3 è stata condotta direttamente dal Comitato di indirizzo (CdI) - ossia l’organismo di governo del Programma individuato dalla Conferenza Regione-Università. Complessivamente hanno partecipato al processo di peer review 77 esperti, tutti provenienti da fuori regione Emilia-Romagna, di cui 35 stranieri.

L’Agenzia sanitaria e sociale regionale ha curato il coordinamento della Segreteria scientifico-organizzativa (SSO) del Programma e, assieme alla Direzione generale Sanità e politiche sociali dell’Assessorato alle Politiche sociali della Regione, ha sostenuto le attività del CdI. La Segreteria del Programma è anche responsabile del monitoraggio scientifico e finanziario dei progetti che dovrà fornire al Comitato di indirizzo elementi di valutazione complessiva sull’andamento e sulle ricadute del Programma.

Complessivamente nel triennio 2007-2009 sono stati finanziati 71 progetti, di cui 28 nell’area Ricerca innovativa, 27 nell’area Ricerca per il Governo clinico e 16 nell’area Formazione alla ricerca e creazione di research network.

L’entità del finanziamento dei Progetti triennali dell’Area 1 è stata in media di € 802.851 (range € 200.000 - € 2.799.823, finanziamento, quest’ultimo, assegnato al più ampio progetto della area tematica “medicina rigenerativa”). I progetti dell’Area 2 hanno avuto un finanziamento medio di € 266.056 (range € 135.000 - € 775.500) mentre per i progetti annuali dell’Area 3 i valori sono stati di € 102.332 (range € 40.000 - € 170.000).

Il costo sostenuto per le attività di referaggio, di consulenza legale, di organizzazione dei workshop, delle study session e degli eventi scientifici è stato di 305.500 Euro (pari all’1% circa del totale delle risorse disponibili per il Programma). I costi per le attività della Segreteria scientifico-organizzativa sono stati invece in carico all’Agenzia sanitaria e sociale regionale e non hanno quindi gravato sul budget del Programma.

 

Questo Dossier, che rappresenta il primo report delle attività svolte nel triennio 2007-2009, è organizzato in due parti.

La prima contiene una sintetica descrizione:

  • dei presupposti scientifici e di policy dai quali il Programma ha avuto origine;
  • dell’articolazione del Programma per quanto riguarda le aree tematiche individuate dal Comitato di indirizzo;
  • delle modalità di valutazione scientifica (peer review) dei progetti;
  • dell’attività della Segreteria scientifico-organizzativa e delle risorse complessivamente utilizzate per le attività di valutazione scientifica dei progetti e il funzionamento generale del Programma.

Questa parte si conclude con alcune riflessioni sull’esperienza maturata nel corso della prima edizione del Programma e con l’indicazione di alcune azioni migliorative da introdurre nella prossima (2010-2012).

La seconda parte contiene 71 schede sintetiche che riassumono - per ciascun progetto finanziato - titolo, razionale, obiettivi, affiliazione del responsabile scientifico, Enti coinvolti come Unità operative ed entità del finanziamento.

 

Data di pubblicazione:
03/12/2009
Tipo di pubblicazione:
rapporti, linee guida, documenti tecnici
Scarica la pubblicazione:
download (PDF, 0.80 MB)

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina