Seguici su

Dialogical Work

Per favorire e supportare il lavoro multiprofessionale in contesti educativi, sanitari e sociali, attraverso la formazione di professioniste e professionisti dell’approccio dialogico e la diffusione delle loro competenze

Logo del progetto internazionale Dialogical Work

Perché l’approccio dialogico?

Perché aumenta e valorizza le competenze necessarie a rafforzare e consolidare nei contesti educativi, sanitari e sociali, modalità di lavoro integrato e multiprofessionale, orientato a prassi collaborative e al superamento dell’approccio burocratico e settorializzato…

È funzionale alla sussistenza evolutiva di contesti organizzativi complessi continuamente sollecitati da cambiamenti…

È strategico per diffondere un cambio di prospettiva necessario a promuovere reti generative e permanenti di collaborazione che coinvolgano cittadinanza, enti intermedi, servizi e istituzioni a livello di pari

L’approccio dialogico “non è un metodo in senso stretto ma una presa di posizione, un atteggiamento, un modo di essere tra le persone, al cui centro si trova una relazione fondamentale di alterità: le persone sono uguali, ma non allo stesso modo” (Arnkil, T.; Seikkula, J.; 2013)

Il progetto

Dialogical Work (DW) è un progetto internazionale finanziato dal Programma dell’Unione europea Erasmus+ attraverso il bando KA220-VET - Cooperation partnerships in vocational education and training - Call 2021 - Round 1, della durata di 30 mesi (28/02/2022 - 30/08/2024).

È parte di un ampio programma di sviluppo della cooperazione tra Paesi e di innovazione dei processi organizzativi, attraverso una formazione professionale più inclusiva e di alta qualità (VET, Vocational Education and Training).

Nello specifico, Dialogical Work mira a promuovere il lavoro integrato e multiprofessionale tra professionisti e professioniste delle organizzazioni sociali e sanitarie e dell’istruzione, tramite la pratica e la diffusione di approcci innovativi di tipo dialogico orientati alla partecipazione attiva di stakeholder e attori dei contesti lavorativi locali e nazionali (bottom up).

Per implementare l’approccio dialogico nelle organizzazioni e per rendere i cambiamenti sistemici e sostenibili nel tempo, attraverso il progetto vengono formati due attori specifici:

  • Il gruppo di governance, cioè il gruppo delle diverse figure professionali aventi responsabilità politica e/o gestionale all’interno dei nodi inter-organizzativi di stakeholder
  • Il tutor dell’approccio dialogico, che connette i diversi livelli organizzativi, assistendo i team multiprofessionali al fine di adattare le pratiche dialogiche di lavoro a contesti in continua evoluzione, sempre più mobili, multiculturali e digitali.

Capofila e partner

La Regione Emilia-Romagna partecipa al progetto Dialogical Work in qualità di capofila.

Il progetto coinvolge 10 partner provenienti da: Belgio, Finlandia, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Romania.

Attività e outputs

Il progetto DW istituisce nei paesi partecipanti una rete di gruppi di stakeholder, detti nodi inter-organizzativi, che abbiano responsabilità istituzionale nella gestione del progetto e nella formazione di professionisti e professioniste dell’approccio dialogico, come pure nell'organizzare, valutare ed erogare servizi educativi, sociali e sanitari.

Dialogical Work stabilisce il raggiungimento di 5 risultati per accompagnare i partecipanti nel percorso di consapevolezza, apprendimento, implementazione e sviluppo di competenze dialogiche, essenziali per il lavoro d’equipé multiprofessionali e integrate.

I 5 risultati DW sono finalizzati alla realizzazione di:

1) Linee guida per creare e supportare la governance verso un approccio dialogico

Ente responsabile: Università degli Studi di Napoli Federico II (Italia)

Elaborare linee guida per la creazione e il sostegno di un gruppo di governance, necessario a implementare l’approccio dialogico nelle organizzazioni.

Il gruppo di governance ha la responsabilità di definire la struttura della rete che sovrintende ai diversi livelli di assistenza e cura, consolidando la consapevolezza della scelta dell'approccio dialogico.

2) Profilo di competenze per tutor dell’approccio dialogico

Ente responsabile: Stichting Hogeschool Rotterdam (Paesi Bassi)

Identificare un profilo di competenze per la figura di tutor dell'approccio dialogico, che diventerà la figura ponte tra il gruppo di governance e le équipe multiprofessionali che agiscono nei diversi contesti di cura e assistenza indicati dai partner.

3) Toolkit per l’approccio dialogico

Ente responsabile: Oy Dialogues & Design Ltd (Finlandia)

Individuare e fornire le metodologie e gli strumenti cruciali per implementare i processi dialogici nei diversi contesti.

Il kit dell'approccio dialogico rappresenta un dispositivo di empowerment per i professionisti e le professioniste.

4) Curriculum formativo per tutor dell’approccio dialogico

Ente responsabile: Oy Dialogues & Design Ltd (Finlandia)

Elaborare un modello di riferimento per tutor dell'approccio dialogico contenente tutte le informazioni necessarie per organizzare la formazione di queste figure professionali: contenuti, struttura, metodi, tempi di realizzazione.

5) Manuale elettronico (e-manual) per l'implementazione dell'approccio dialogico

Ente responsabile: Provincia Autonoma di Trento (Italia)

Produrre un manuale in formato elettronico contenente la raccolta sistematizzata di tutti i risultati di progetto. L’obiettivo è fornire una guida per l’implementazione dell’approccio dialogico come pratica efficace di lavoro multiprofessionale e collaborativo.

Il manuale mette in evidenza i meccanismi che attivano una cooperazione efficace tra i diversi attori della rete dialogica implementata - gruppi di governance e tutor.

La formazione

Sono previsti inoltre, a metà progetto, due percorsi di apprendimento, coordinati dal partner finlandese Oy Dialogues & Design Ltd, per formare governance e tutor dell’approccio dialogico:

  1. Corso di orientamento
    Formazione all'approccio dialogico, comune a tutte le figure professionali definite nei nodi inter-organizzativi. È una formazione necessaria a chi implementa l'approccio dialogico nel proprio contesto organizzativo, quindi rivolta alle professioniste e ai professionisti che fanno parte del gruppo di governance (identificato nel primo risultato di progetto) e alle future figure di tutor.
  2. Training per la figura di tutor dell’approccio dialogico
    Formazione destinata a chi ha seguito il corso di orientamento e finalizzata a mettere in pratica le competenze acquisite di tutor dell’approccio dialogico (identificate nel secondo risultato di progetto), portando il nuovo metodo di lavoro nelle proprie organizzazioni, nei servizi e nell'amministrazione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/10/25 13:36:00 GMT+1 ultima modifica 2022-10-25T16:30:42+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina