Seguici su

Morfina orale e altri oppioidi nel dolore oncologico. Terapie consolidate negli adulti e novità

Pacchetto informativo sui farmaci n. 3/2008 - Aggiornamento del Pacchetto informativo n. 2/2006

32008.jpgIl dolore oncologico continua a rappresentare un problema clinico rilevante per la salute a livello mondiale: nonostante la produzione di linee guida e la disponibilità di numerosi analgesici efficaci, si stima che più del 40% dei pazienti affetti da tumore presenta una gestione inadeguata del dolore.

Se si analizzano i dati di prescrizione degli oppioidi maggiori nel nostro paese dal 2000 al 2007 (vedi figura 1 nel testo completo del Pacchetto informativo), si può osservare come nell'ambito della prescrizione di tali farmaci, la morfina continui ad essere quello meno utilizzato, mentre si osserva un continuo incremento di prescrizione di tutti gli altri, in particolare delle formulazioni transdermiche.

Il permanere della morfina all'ultimo posto della prescrizione, la commercializzazione di nuovi oppioidi maggiori, il continuo incremento nella prescrizione di oppioidi transdermici e soprattutto i dati sull'inadeguato controllo del dolore oncologico ci sono sembrati motivi sufficienti per un aggiornamento del pacchetto sull'argomento, che si propone anche come uno strumento di uso pratico per tutti i medici impegnati nella gestione del paziente oncologico sia in ospedale che a domicilio.

Per continuare il percorso iniziato con i Pacchetti informativi
n. 9/2004 e n. 2/2006, abbiamo deciso di approfondire alcuni aspetti:

  • l'approccio al dolore oncologico, come dolore globale con riferimento alle scale di misurazione del dolore validate e disponibili;
  • un confronto fra le principali linee guida rispetto alla gestione del dolore e alla scelta dei farmaci, considerando che nelle precedenti edizioni ci eravamo occupati esclusivamente di studi primari;
  • gli approfondimenti sui due farmaci di più recente commercializzazione per il dolore cronico (idromorfone e ziconotide).

Questo Pacchetto integra, ma non sostituisce il precedente (n. 2/2006).

 

Autore/Autori: CeVEAS

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina