Seguici su

Prevenzione delle fratture ossee. Che cosa c'è di nuovo

Pacchetto informativo sui farmaci n. 2/2008 - Aggiornamento del Pacchetto informativo n. 2/2007

22008.jpgL'intensa attività di ricerca sulla prevenzione delle fratture osteoporotiche richiede una revisione continua delle evidenze disponibili.

Dalla pubblicazione del precedente Pacchetto Informativo su osteoporosi e fratture ossee (n. 2/2007) sono emerse novità riguardanti sia la decisione di chi sottoporre a trattamento preventivo, sia la scelta di quali interventi proporre.

L'affidabilità delle usuali metodiche di indagine per identificare i candidati al trattamento è stata fortemente messa in dubbio dalle recenti conferme secondo cui il maggior numero di fratture si verifica nella realtà in soggetti con T-score superiore a -2,5.
Se l'obiettivo dell'intervento sanitario è la riduzione del rischio di frattura, il valore predittivo della densitometria ossea viene quindi sostanzialmente ridimensionato.

Accanto alle nuove conferme sull'efficacia della vitamina D associata al calcio nella riduzione del rischio di frattura, sono emersi dati contrastanti su potenziali rischi cardiovascolari dell'impiego del solo calcio orale nel post-menopausa.

Dopo le dimostrazioni di efficacia di alendronato, risedronato e ibandronato nella prevenzione delle fratture in soggetti ad alto rischio, sono ora disponibili nuovi dati di efficacia su altri bisfosfonati.

Anche in questi casi è della massima importanza valutare attentamente i risultati e le caratteristiche delle popolazioni in cui sono stati conseguiti per non generalizzare (erroneamente) l'effetto protettivo a condizioni per le quali non è stato dimostrato.

Un esempio di questo è rappresentato dai nuovi dati sul clodronato orale, che risulta efficace nella prevenzione delle fratture non femorali esclusivamente in una popolazione di donne oltre 75 anni con un profilo di rischio elevato.
Il profilo di rischio dei diversi farmaci, soprattutto quelli di nuova immissione sul mercato, è stato meglio definito grazie ai dati di farmacovigilanza. Sono così emersi eventi avversi rari ma gravi legati al loro utilizzo.

Il presente Pacchetto informativo ha l'obiettivo di integrare, con i dati recenti (2007-2008) più significativi, le conclusioni del pacchetto precedente, che mantengono comunque sostanzialmente inalterata la loro validità.

 

Autore/Autori: CeVEAS

Data: 1/3/2008

 

Scarica la pubblicazione (pdf, 3.72 MB)

Scarica il Pacchetto informativo n. 2/2007 "Osteoporosi e fratture ossee. Strategie e trattamenti preventivi"

 

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina