Le Case della salute fanno bene al sistema sanitario regionale

I dati dello studio sull'impatto delle CdS, condotto dall’Agenzia sanitaria e sociale per il periodo 2009-2016

In Emilia-Romagna le Case della salute fanno bene al sistema sanitario regionale: lo rivela uno studio condotto dall’Agenzia sanitaria e sociale regionale - presentato nei giorni scorsi in Commissione assembleare - che ha analizzato per il periodo 2009-2016 l’impatto delle Case della salute sul sistema sanitario e sui cittadini residenti nei comuni dove sono state attivate.

I dati dei primi anni di funzionamento delle strutture sanitarie polifunzionali aperte su tutto il territorio, da Piacenza a Rimini, parlano chiaro: tra il 2009 e il 2016, dove c’è una Casa della salute, si sono ridotti del 21,1% gli accessi in codice bianco al Pronto soccorso e sono calati (-3,6%) i ricoveri ospedalieri per le patologie trattabili a livello ambulatoriale, come diabete, scompenso cardiaco, broncopneumopatia cronica ostruttiva, polmonite batterica. 

 

  • comunicato stampa della Regione Emilia-Romagna, 16 maggio 2019
  • Dossier n. 266/2019. Analisi dell’impatto delle Case della Salute su indicatori di cura. Popolazione residente in Emilia-Romagna 2009-2016
Azioni sul documento
Pubblicato il 16/05/2019 — ultima modifica 16/05/2019

Agenzia sanitaria e sociale regionale - Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 21, 40127 Bologna, Italia - tel. +39 051 5277450 - 7451 - fax +39 051 5277049

asrdirgen@regione.emilia-romagna.it, asrdirgen@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali