La visita di verifica

Accreditamento delle strutture sanitarie

L’Agenzia sanitaria e sociale regionale, a seguito del mandato della Direzione Cura della persona, salute e welfare, costituisce il team di verifica e procede nella visita di verifica.

 

Come è composto il Team di verifica 

  • Il numero dei componenti del Team e le loro competenze specifiche sono in relazione alla complessità e alla tipologia della organizzazione.
  • Il team può essere integrato da valutatori in formazione od osservatori, accettati dalla organizzazione.
  • È nominato un Team leader, responsabile per tutte le fasi della verifica nei confronti dell'organizzazione.
  • Il Team è assistito nelle fasi della verifica dalla Funzione Accreditamento dell’Agenzia sanitaria e sociale regionale.

 

La visita di verifica

  • Il Team di verifica, in un incontro effettuato presso l’Agenzia sanitaria e sociale regionale circa 20 giorni prima della data della visita alla struttura, esamina la documentazione inviata, valuta la necessità di un pre-audit (incontro ristretto tra parte del Team e alcuni rappresentanti della Struttura) definisce il programma della visita e richiede l’invio di eventuale documentazione integrativa.
  • Una parte della documentazione, come indicato nel modello di domanda di accreditamento, può essere organizzata in un "Manuale per l'accreditamento della struttura".
  • Durante l’eventuale pre-audit, concordato preventivamente con la organizzazione che chiede di essere accreditata, vengono raccolte informazioni, richiesti chiarimenti e, se necessario, concordato l’invio di eventuale ulteriore documentazione.
  • L’Agenzia sanitaria e sociale regionale comunica formalmente alla Struttura la data della visita di verifica, il programma della/e giornate di visita, i nominativi dei componenti del Team e gli interlocutori della Struttura di cui si richiede la presenza durante la visita.
  • Per la visita di accreditamento il Team utilizza una check list, che contiene i requisiti generali e specifici vigenti, selezionati in base alle caratteristiche (branche disciplinari e tipologie delle attività svolte) dell’organizzazione. Qualora non siano stati definiti dalla Regione i requisiti della disciplina specifica, i requisiti sono applicati per analogia (es. i requisiti della medicina interna sono applicati a tutte le specialità mediche che non hanno requisiti specifici).
  • Il DLgs 229/1999 prevede inoltre che sia acquisita una valutazione della qualità prodotta da parte delle Strutture: si tratta della “valutazione ex post” che documenta dati di esito, volumi prodotti e risultati conseguiti.
  • L’Agenzia sanitaria e sociale regionale invia preventivamente le check list selezionate e le indicazioni per la stesura della relazione per la valutazione dell’attività svolta alla Struttura perché si autovaluti. Durante la visita, il Team cerca le evidenze del possesso dei requisiti oltre che negli incontri con gli operatori, anche attraverso l’osservazione diretta ed eventuali colloqui con pazienti e loro familiari (previo loro consenso).
  • Ulteriori check list specifiche possono essere utilizzate in riferimento a temi di particolare attenzione, a seguito di indicazioni di livello nazionale o regionale (“Valutazione del rischio di morte materna”, “Ricerca di buone pratiche nei percorsi di inserimento in Strutture private accreditate per il trattamento delle dipendenze – Progetto Rex”, “Sicurezza in sala operatoria”, ...) o per approcci sperimentali (“Valutazione dell’equità e del rispetto delle differenze”) e chiavi di lettura innovative (verifica attraverso i Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali - PDTA).
  • Al termine della visita il Team fornisce una prima esposizione sintetica dell’andamento della verifica; successivamente l’Agenzia sanitaria e sociale regionale trasmette alla Struttura il verbale con i risultati della verifica. Il verbale riporta la valutazione complessiva sulla struttura visitata e le modifiche apportate dal team alle valutazioni dei requisiti rispetto all’autovalutazione della struttura.
  • La Struttura può replicare, entro i 10 giorni successivi, con osservazioni (usualmente dette “contro-deduzioni”, anche associate alla relativa documentazione a supporto).
  •  Il Team esamina tali osservazioni/controdeduzioni e può accettarle o respingerle motivando la propria decisione.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 15/02/2013 — ultima modifica 13/12/2017

Agenzia sanitaria e sociale regionale - Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 21, 40127 Bologna, Italia - tel. +39 051 5277450 - 7451 - fax +39 051 5277049

asrdirgen@regione.emilia-romagna.it, asrdirgen@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali